Che cos’è Stroncature?

L’idea di fondo su cui si regge Stroncature è che la conoscenza è la fonte di ogni ricchezza, sia essa di tipo materiale o immateriale o entrambe. Non solo, ma che la diffusione della conoscenza è la chiave per la prosperità collettiva. In sintesi, la conoscenza rende le persone libere e le nazioni ricche.

Di qui il doppio lavoro che facciamo, da una parte creare un luogo dove le conoscenze possano essere messe in evidenza, discusse, condivise liberamente. Dall’altra produrre strumenti per poter avere consapevolezza dei processi di transizione in atto, leggere quanto avviene su scala globale a livello politico, economico e tecnologico, utilizzare a proprio vantaggio il cambiamento.

Per fare questo, non accediamo a fondi pubblici, non abbiamo investitori e non vendiamo spazi pubblicitari. Ciò che fa stare in piedi Stroncature è la libera adesione di quanti decidono di abbonarsi per accedere ai contenuti riservati agli abbonati, ma soprattutto per sostenere una precisa visione del mondo. Mens agita molem.

Di qui il senso ultimo di Stroncature. Si tratta da una parte di far convergere in un’unico luogo le conoscenze prodotte dalle menti più brillanti e trasferire quanto prima possibile strumenti concettuali per dare potere agli individui e metterli in grado di comprendere e utilizzare a proprio vantaggio la transizione dalla società fordista a quella digitale, potendo liberamente esprimere quell’universo che ciascuno porta dentro di sè.

Dall’altra di contribuire a risolvere quella che appare come la più grande questione sociale della modernità, vale a dire quella prodotta dalla disuguaglianza delle conoscenze. Una questione sociale che, se non risolta, rischia di fagocitare le nostre società aperte.

Il modello di Stroncature

Il modello di Stroncature è molto semplice: non profiliamo nessuno, non monitoriamo il comportamento della persone sul nostro sito, non raccogliamo i dati di nessuno e non vendiamo spazi pubblicitari a nessuno. Chi è su Stroncature sa che non riceverà offerte pubblicitarie, che non gli attaccheremo nessun cookies addosso, che i suoi dati non saranno ceduti, venduti o rubati da nessuno (perché, banalmente, non li raccogliamo) e sa che non sarà spiato da nessun Pixel di Facebook o Analytics di Google.

La ragione è semplice. A noi stanno a cuore tre cose e cioè la totale autonomia, la completa indipendenza di giudizio e la massima qualità dei contenuti e il modello basato su profilazione, visualizzazioni e vendita di spazi pubblicitari è incompatibile con queste tre cose.

Il perché è abbastanza evidente. Se una piattaforma fa soldi mostrando inserzioni pubblicitarie, significa che maggiore è il numero di persone che guardano quelle inserzioni maggiori sono i suoi introiti. Il che significa che una piattaforma come Facebook deve attrarre al proprio interno quante più persone possibile. Il che vuol dire che qualsiasi argomento vi ha diritto di cittadinanza, soprattutto quelli che esacerbando di più gli animi, dato che fanno in modo che le persone restino a litigare quanto più possibile dentro Facebook.

Tante persone, che restano per tanto tempo all’interno del social network significano tante visualizzazioni e quindi la felicità degli inserzionisti, disposti ad aprire il proprio portafogli e versare soldi a Facebook sulla base delle visualizzazioni delle loro pubblicità. 

Ciò vuol dire che è il modello stesso delle piattaforme che monetizzano attraverso le pubblicità che produce contenuti di bassa qualità ed esacerba le posizioni.

Il modello adottato da Stroncature è diametralmente opposto e ciò che ci consente di stare in piedi è la libera adesione delle persone che decidono di sostenere Stroncature abbonandosi.

In sintesi

Non facciamo intrattenimento

Non raccogliamo i dati di nessuno

Non profiliamo nessuno

Non vendiamo pubblicità a nessuno

Non siamo una piattaforma

ABBONATI A STRONCATURE